“L’amico ritrovato” un lavoro degli alunni di 1B

Image

“L’amico ritrovato”, Giornata della memoria, 2024

Noi alunni della classe 1°B LSO abbiamo avuto l’onore di prendere parte all’evento, organizzato dal Comune di Urbino il 26 gennaio scorso, per la Giornata della memoria, in ricordo delle vittime della Shoah.

Per prepararci a questa occasione, abbiamo letto in classe il romanzo “L’amico ritrovato” di F. Uhlman, pubblicato dallo scrittore tedesco nel 1971.

Narra di un’amicizia nella Germania pre-nazista tra un tedesco, Konradin Von Hohenfels, di nobile famiglia, ed un ebreo, Hans Schwarz, di famiglia medio borghese, studenti del prestigioso liceo di Stoccarda, l’Alexander Gymnasium.

Tra i due nasce, sin dall’inizio, un profondo legame, purtroppo destinato a spezzarsi a causa delle condizioni politiche e sociali dell’epoca, e delle leggi razziali emanate da Hitler.

Hans è costretto a trasferirsi in America per continuare gli studi, invece Konradin si unisce all’esercito tedesco per sostenere gli ideali trasmessi da Hitler.

Entrambi ritroveranno il legame inaspettatamente, in un finale toccante che ci consente di soffermarci sul potere dell’amicizia e la sua forza.

Brani scelti da questo romanzo sono stati letti da alcuni nostri compagni e la lettura è stata accompagnata da un video con immagini appositamente scelte per lo sfondo.

Ha concluso la parte recitativa l’esecuzione al pianoforte del musicista Enrico Bertoni della classe 4°C LSA di un brano musicale, tratto dal 1° libro del “Clavicembalo temperato” di J. S. Bach.

Ringraziamo per averci permesso di partecipare a questo evento, unico e formativo, la nostra docente di lettere prof. Iagulli e la dirigente scolastica Claudia Guidi.

La classe 1°B LSO. (Alice Castellucci e Margherita Arseni)

LETTORI: Bartoccioni Luca, Capponi Marco, Focacetti Lorenzo, Gostoli Beatrice, Mangani Emanuele, Scopa Marco. 

PRODUZIONE VIDEO: Arseni Margherita, Paoli Olivia, Venturi Linda.

 

 

Le frontiere della scienza al Liceo Laurana Baldi

Image

Il Liceo Laurana Baldi apre le frontiere della scienza ai suoi studenti e al grande pubblico attraverso una serie di incontri con nomi di spicco della fisica, matematica e filosofia della Scienza contemporanea, pronti a divulgare i loro studi sui temi più affascinanti, dall’astrofisica fino alle implicazioni dell’intelligenza artificiale.

Da febbraio ad aprile, dalle ore 15.00 alle 17.00, presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico Laurana, in una serie di incontri presieduti dalla Dirigente  Claudia Guidi e dai professori del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Istituto, si succederanno:

 20 Febbraio, Gianluca Guidi, Professore ordinario di fisica sperimentale presso l’Università degli studi di Urbino e responsabile locale del progetto Virgo per l’osservazione delle onde gravitazionali, tratterà “La materia, lo spazio, il tempo e la relatività generale”.

A seguire, Vincenzo Vagnoni, 1 Marzo, responsabile dell’esperimento LHCb presso il CERN, esporrà le sue ricerche “Dall’infinitesimo all’infinito: breve viaggio nella fisica moderna”.

Altro tema interessante anche al di fuori della cerchia di studiosi, quello della scoperta di leggi matematiche deterministiche in grado di generare sequenze di dati a prima vista indistinguibili da processi casuali, sarà trattato il 7 marzo, da Gian Italo Bischi ordinario di Metodi matematici per l’Economia presso l’Università di Urbino che, occupatosi di modelli dinamici in fisica, biologia e scienze sociali, cercherà di fare ordine tra “La matematica del caos. Quando una farfalla può fare la differenza”. Dopo pochi giorni, il 23 marzo, sarà la volta di Marica Branchesi, nota astrofisica italiana del California Institute of Technology, ora Prof.ssa ordinaria al GSSI all’Aquila,

che ha concentrato i suoi studi sull’astrofisica dei buchi neri. Tutti gli occhi puntati dunque su “Onde gravitazionali e astronomia multimessaggera” tema che, la socia dei Lincei, renderà comprensibile anche a noi, profani del mestiere. E, per concludere, il 24 aprile, il prezioso contributo di Vincenzo Fano Professore ordinario di Logica e Filosofia della scienza nell’Università di Urbino. Partendo dalla domanda: “Prima o poi saremo in grado di costruire veramente intelligenze superiori alla nostra?”, con una lezione su “L’intelligenza artificiale e il gorilla’s problem”, si toccheranno affascinati temi, dal rapporto fra modelli matematici, esperienza e realtà, passando dalla macchina di Turing, fino alla delicatissima questione dell’A. I.

Considerato il carattere divulgativo degli eventi aperti a tutti, una preziosa occasione da non perdere per gli appassionati o i curiosi verso il mondo perché, come diceva il nostro Galileo “ Chi mira più in alto, si differenzia più altamente”

Fabiana Ciacci