Premio “Fondazione Occhialini”

Image

Neodiplomati del “Laurana-Baldi” sul podio del Concorso scientifico “ Fondazione Occhialini”

Per il quarto anno il Liceo Scientifico e delle Scienze Umane “Laurana-Baldi” sale sul podio. Elia Falcioni e Andrea Sacconi, neodiplomati al Liceo scientifico, si sono classificati al primo e secondo posto vincendo l’assegnazione delle borse di studio della Fondazione Occhialini in seguito ai colloqui relativi al Corso di Orientamento alle Facoltà Scientifiche Edizione 2021. La commissione valutatrice, infatti, ha attribuito il primo premio, di 4000 euro, ad Elia, al primo anno della facoltà di Fisica di Camerino e il secondo premio, di 3000 euro, ad Andrea, matricola alla facoltà di Ingegneria matematica al Politecnico di Milano. La Fondazione “Giuseppe Occhialini” di Fossombrone si pone da anni come obiettivi fondamentali l’illustrazione della Fisica come scienza viva e la valorizzazione delle sue conquiste, delle sue metodologie, del suo rilievo sociale e culturale, avvicinando i giovani allo studio delle materie scientifiche attraverso un piano di un’attività di formazione e di orientamento rivolto a studenti che si preparano a diventare matricole di università di  indirizzo scientifico. Andrea Sacconi ci racconta emozionato la sua esperienza –  Il corso della fondazione Occhialini si è svolto in una serie di lezioni tenute fra marzo e giugno 2021 in cui si sono trattati tre principali argomenti: relatività, energia e ambiente. Inoltre, abbiamo partecipato ad incontri su altri temi più specifici come, ad esempio, il seminario sulle onde gravitazionali e sugli esopianeti. Le lezioni sono state tenute da docenti universitari come il Prof. Vagnoni, il Prof. Semprini Cesari e il Prof Porcù. –  Elia Falcioni, continua – A me sono piaciute particolarmente le lezioni sulla relatività perché era un argomento che mi aveva già colpito quando lo avevamo trattato a scuola e quelle lezioni sono state un’occasione per approfondirlo ancora di più… lezioni ad impostazione universitaria, che mi ha permesso di capire già dal quinto anno come sarebbe stato l’approccio futuro a tali tipi di studi – Consigliereste questa esperienza ai vostri coetanei amanti del mondo della scienza? – Certo!, Sebbene conciliare le lezioni della fondazione con quelle liceali non sia stato semplice, ne è valsa la pena al di là della borsa di studio, perché si trattano temi interessantissimi e attuali che dobbiamo conoscere noi, come nuova generazione

Per il nostro Liceo è un risultato di grande soddisfazione–  commenta la Dirigente Scolastica Claudia Guidi, –che è anche il segnale di una qualità nella didattica e nella professionalità dei nostri docenti che credono in un’educazione della persona capace di portare in luce lo specifico irripetibile di ciascuno– Ricordando anche i precedenti studenti vincitori del 2007 Rojo Nahuel, 2010 Parisi Matteo, 2018 Moroni Tommaso e Moretti Bianca, 2020 Rossi Alberto ….complimenti agli studenti del Laurana!

IN GIRO PER L’EUROPA

Image

Il difficile periodo che ci ha tenuti ed ancora in parte ci tiene lontani, non ha impedito al Liceo Laurana Baldi di guardare oltre, trasformandolo in occasione di riflessione sul futuro per ripensarlo in chiave diversa, magari sostenibile.

E all’improvviso, cambio di prospettiva: ci si ritrova insieme a coloro che sono i più lontani, per sorridere, conoscere, crescere.

Con il Progetto ERASMUS + “RETHINK THE FUTURE- SUSTAINABLE THINKING”, il liceo ha aperto le porte all’Europa sostenibile e prepara le valige per conoscerla.

Infatti, attraverso twinnigs, ben tre stati, Spagna, Polonia e Ungheria accoglieranno i nostri studenti e studentesse da aprile a dicembre 2022, poi sarà la volta del nostro Istituto, per l’evento finale nel maggio 2023.

Il primo step, quello del meeting tra docenti, si è appena concluso.

Luogo d’incontro Ludwigshafen am Rhein- Germania. Le insegnanti De Angelis, Giampaoli e Luccarini raccontano entusiaste l’esperienza: “la pandemia inizialmente  ha paralizzato il progetto, che però non si è fermato, trasformadosi in collaborazioni in rete per un intero anno attraverso la piattaforma E-Twinning. Vedere e abbracciare quei colleghi conosciuti on line, condividere i sorrisi, gli abbracci ha però tutto un altro sapore! 

 Sono stati solo tre giorni, ma intensissimi, in cui abbiamo visitato tre siti ecosostenibili. Una cantina vinicola orientata al sostenibile e al biologico capace di guardare a lungo termine pensando alle nuove generazioni che la erediteranno; poi abbiamo fatto visita al quartiere Bahnstadt sviluppato completamente attraverso un modello di architettura sostenibile e di autoproduzione di energia, per esempio, non abbiamo visto auto circolare!

Infine, altra visita guidata al colosso petrolchimico BASF, azienda leader nel mondo di produzione di sostanze chimiche che comunque è riuscita a ridurre le emissioni ad un 7% attraverso il riciclo”.

E da ora in poi protagonisti saranno i ragazzi e ragazze di 3 D e 3 E, che prima online, presto dal vivo, conosceranno i loro coetanei tedeschi, polacchi, ungheresi e spagnoli, ospitati dalle loro famiglie, per realizzare insieme prodotti ecosostenibili. La valenza del progetto è di enorme portata didattica e sociale: vedere come studenti provenienti da tutta Europa cooperino volgendo lo sguardo nella stessa direzione per un futuro migliore, educati ad essere cittadini del mondo, è  l’ossigeno di cui la società ha ora più che mai bisogno.